Giuliano Merlini

Giuliano Merlini, Maestro Artigiano nella costruzione di strumenti musicali, ha costruito il suo primo strumento all’età di 16 anni da autodidatta. A 17 anni ha frequentato un corso per la costruzione delle chitarre classiche organizzato dal Comune di Firenze con la collaborazione del M” Liutaio Carlo Vettori. Nel 1987 diviene allievo del Maestro Liutaio Renato Scrollavezza presso il Conservatorio ” Arrigo Boito ” di Parma. Completati gli studi lavora per due anni nel laboratorio di ” Arte Liutaria ” dove approfondisce la conoscenza delle varie scuole Italiane ed Estere. Nel 1994-20O1-2OOZ tiene deicorsidi Liuteria a Ortonovo ( La Spezia ). Nel 2015 ha fondato la scuola di liuteria” Bottega Scuola per L’Artigianato Liutario “. E’ stato riconosciuto dalla Regione Toscana ” Maestro Artigiano Toscano “nel 2015 e dal 2016 è nell’ albo ” esercizi storici “del Comune di Bagno a Ripoli.Nel 2OL7 è stato riconosciuto e accreditato come Maestro Artigiano Bottega Scuola dalla Regione Toscana. Ha partecipato a numerose esposizioni ed è presente in pubblicazioni e cataloghi.

Massimo Baicchi

La bottega del Maestro Massimo Baicchi esiste dal novembre 1982. Il Maestro ha frequentato il liceo artistico e l’Accademia d’Arte a Firenze diplomandosi in pittura. Negli anni della sua formazione ha acquisito le tecniche dell’incisione artistica e dell’acquaforte. Parallelamente ha perfezionato la tecnica della stampa calcografica. Entrare nella sua bottega è come fare un salto nel tempo. Oltre alle acquaforti, alle stampe, alle incisioni, alle opere di grafica, si possono ammirare bellissime cornici artistiche realizzate con il recupero delle antiche tecniche decorative. Vengono anche restaurate le cornici antiche, le opere d’arte lignee, mobili e arredi di piccolo antiquariato, dipinti. Il Maestro dipinge, crea sculture e ceramiche. Da sempre si dedica all’insegnamento, organizzando corsi presso la sua bottega, istituzioni o presso istituti scolastici.

Sandra Pelli

Nello studio Ceramico Giusti operano i Maestri Artigiani Sandra Pelli e Stefano Giusti che hanno accreditato la loro impresa come Bottega Scuola. Dal 1980 Sandra Pelli e Stefano Giusti producono e vendono nel loro laboratorio di Paterno (Fi) oggetti d’uso e d’arredamento in ceramica torniti e lavorati completamente a mano usando smalti di propria composizione rigorosamente atossici per realizzare oggetti d’uso quotidiano. Il loro lavoro è stato esposto in qualificate mostre come il MACEF di Milano e la Mostra Internazionale dell’Artigianato di Firenze. Hanno esposto a Maison et Objet a Parigi con il progetto Galleria dell’Artigianato e a Florence a Paris. Nel 2011 hanno vinto un bando europeo sull’ artigianato artistico.

La loro produzione è caratterizzata dall’essenzialità delle forme e dalla lavorazione non in serie che conferisce agli oggetti quel carattere di unicità proprio della più alta tradizione artigiana. Nel loro laboratorio Sandra e Stefano si dedicano anche alla didattica e laboratori per bambini ed adulti, oltre a seguire dei percorsi di arte terapia rivolta a persone affette da disabilita’. L’argilla è un materiale riabilitante per eccellenza, le mani possono plasmare l’argilla senza bisogno di strumenti. Questo stimola la creatività e la fantasia. L’uso del colore poi completa il percorso tattile con risultati spesso sorprendenti in soggetti che difficilmente riescono ad esprimersi con altri materiali. Un recente progetto del 2013 “La fantasia diversamente rivelata” metteva in gioco un artista Giuliano Ghelli , un gruppo di disabili dell’Istituto ODA e Sandra e Stefano che hanno aiutato i disabili a creare delle ceramiche ispirate al lavoro dell’artista.

Sandra e Stefano sono entrambi “Maestri artigiani” è la qualifica che la Regione Toscana riconosce a artigiani che oltre che a far bene il proprio lavoro lo sanno trasmettere ed insegnare agli altri. Nel 2014 il loro laboratorio è stato accreditato dalla Regione Toscana come Bottega-Scuola una qualifica che consente, come nelle botteghe rinascimentali fiorentine , di imparare il “mestiere” direttamente in bottega dove si toccano con mano i problemi reali del lavoro di ceramista e si possono ottenere dei crediti formativi. Sandra e Stefano possono ospitare stager e tirocinanti o chi vuol fare un master in tecniche specifiche. Attualmente sono responsabili per il per il settore della ceramica della sezione didattica del Museo dell’Opera del Duomo di Firenze.

Stefano Giusti

Nello studio Ceramico Giusti operano i Maestri Artigiani  Stefano Giusti e Sandra Pelli e che hanno accreditato la loro impresa come Bottega Scuola. Dal 1980  Stefano Giusti e Sandra Pelli producono e vendono nel loro laboratorio di Paterno (Fi) oggetti d’uso e d’arredamento in ceramica torniti e lavorati completamente a mano usando smalti di propria composizione rigorosamente atossici per realizzare oggetti d’uso quotidiano. Il loro lavoro è stato esposto in qualificate mostre come il MACEF di Milano e la Mostra Internazionale dell’Artigianato di Firenze. Hanno esposto a Maison et Objet a Parigi con il progetto Galleria dell’Artigianato e a Florence a Paris. Nel 2011 hanno vinto un bando europeo sull’ artigianato artistico.

La loro produzione è caratterizzata dall’essenzialità delle forme e dalla lavorazione non in serie che conferisce agli oggetti quel carattere di unicità proprio della più alta tradizione artigiana. Nel loro laboratorio Sandra e Stefano si dedicano anche alla didattica e laboratori per bambini ed adulti, oltre a seguire dei percorsi di arte terapia rivolta a persone affette da disabilita’. L’argilla è un materiale riabilitante per eccellenza, le mani possono plasmare l’argilla senza bisogno di strumenti. Questo stimola la creatività e la fantasia. L’uso del colore poi completa il percorso tattile con risultati spesso sorprendenti in soggetti che difficilmente riescono ad esprimersi con altri materiali. Un recente progetto del 2013 “La fantasia diversamente rivelata” metteva in gioco un artista Giuliano Ghelli , un gruppo di disabili dell’Istituto ODA e Sandra e Stefano che hanno aiutato i disabili a creare delle ceramiche ispirate al lavoro dell’artista.

Stefano e Sandra sono entrambi “Maestri artigiani” è la qualifica che la Regione Toscana riconosce a artigiani che oltre che a far bene il proprio lavoro lo sanno trasmettere ed insegnare agli altri. Nel 2014 il loro laboratorio è stato accreditato dalla Regione Toscana come Bottega-Scuola una qualifica che consente, come nelle botteghe rinascimentali fiorentine , di imparare il “mestiere” direttamente in bottega dove si toccano con mano i problemi reali del lavoro di ceramista e si possono ottenere dei crediti formativi. Sandra e Stefano possono ospitare stager e tirocinanti o chi vuol fare un master in tecniche specifiche. Attualmente sono responsabili per il per il settore della ceramica della sezione didattica del Museo dell’Opera del Duomo di Firenze.

Milica Popovic

La Maestra artigiana Milica Popovic nasce il 1967 a Belgrado, Yugoslavia. Nel luglio 1993 si laurea in Tecnologia presso l’università di Belgrado con l’equipollenza all’università di Milano. Nello stesso anno lascia il paese di origine e si reca nella città d’arte Firenze dove comincia una vita nuova. Percorso intenso di integrazione nel mondo lavorativo, spaziando dalle varie realtà, le aiuta ad esprimere la sua parte creativa facendo i primi passi nel mondo del restauro come allieva prima, e come insegnante poi, presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze. Tutto ciò l’ aiuta a scoprire  l’amore per l’arte e  il recupero del patrimonio artistico e umanistico.

Nel aprile 1998 viene riconosciuta dal Ministero dei Beni Culturali restauratrice di libri antichi presso l’Istituto per la Patologia di libro “Alfonso Gallo” di Roma.  Nel marzo 1999 nella Bottega dei Artisti nello storico palazzo di Piazzale Donatello, 29 a Firenze dà vita all’Incunabolo, il suo piccolo gioiello.

L’attività a cui si dedica con  autentica passione Milica Popovic nel suo laboratorio è la cura e il recupero dei manoscritti  e degli incunaboli, dei codici e dei libri a stampa antichi e rari, dei documenti archivistici e librari, fino a restituire  vita  e presenza ad  un materiale prezioso ma condannato all’oblio.Tra le sue esperienze lavorative i  30 Codici appartenenti al Fondo di Galileo Galilei della Biblioteca Nazionale, ha collaborato con l’Archivio Storico dell’ Opera di Santa Maria Del Fiore di Firenze dall’anno 2002 ad oggi. Docente all’Accademia di Brera di Milano nella durata di tre anni 2013/2017

Stefano Parrini Degl’Innocenti

Il Maestro artigiano Stefano Parrini Degl’Innocenti inizia da autodidatta negli anni ’70 attraverso esperienze di viaggio nel Sud America e  collaborazioni con artigiani in Italia e all’estero. Parte dalla selleria per poi passare alla produzione di oggetti totalmente fatti a mano, utilizzando esclusivamente cuoio a concia vegetale, cuciti con filo di lino cerato, di design esclusivo, praticamente pezzi unici. Attualmente docente di prototipistica e modellistica presso IED Firenze. Artigiano del progetto Samsung Maestros Academy. Artigiano OMA dal 2017. Artigiano di riferimento del Consorzio Vera Pelle al Vegetale. Work shops presso FIT New York, Risd Rhode Island, Royal Academy of Fashion Londra e altre sedi.

Gherardo Bracco Filistrucchi

Il Maestro artigiano Gherardo Bracci Filustrucchi si forma e lavora fin da ragazzo nella secolare bottega della famiglia, parruccai e truccatori da quasi tre secoli, dove apprende i segreti dell’antico mestiere di parruccaio e truccatore imparando anche la realizzazione di maschere e protesi in lattice, lattice schiumato e carta pesta; ha imparato inoltre a realizzare effetti speciali cinematografici quali ustioni, tagli e ferite. Tra il 2000 e il 2005 segue in Germania anche alcuni seminari formativi di trucco ed effetti speciali.

Dal 1999 a oggi è formatore e tutor aziendale della propria bottega, per studenti europei provenienti da vari paesi dell’Unione in collaborazione con varie scuole formative per quanto concerne la realizzazione di parrucche e affini, la maschera e il trucco. In qualità di docente ha tenuto numerosi corsi sul trucco teatrale, la parrucca e storia della parrucca. Ha partecipato a conferenze, seminari e convegni in tutta Italia e ricevuto importanti riconoscimenti come il Premio Artigiano Oma nel 2010 e il Premio Botticelli nel 2015.

Alessandro Bianchi

Il Maestro Artigiano Alessandro Bianchi ha appreso la difficile tecnica della scagliola in bottega sotto la guida del padre, Bianco Bianchi (1920-2016), collezionista e grande maestro di questa arte fiorentina (detta anche pietra di luna), lavorazione decorativa a intarsio di origine seicentesca da lui riscoperta a Firenze sul finire degli anni ‘40. Diplomato al liceo artistico di Firenze all’inizio degli anni ‘80 entra nella bottega paterna come apprendista e poi come collaboratore.

Partecipa a numerose mostre in Italia e all’estero esponendo le opere della bottega e facendo dimostrazioni di lavorazione da Monaco a New York, da Philadelphia a Firenze, da Milano a Roma. Ultima in ordine di tempo HOMO FABER 2018 a Venezia. Espone la collezione di antiche scagliole in molte sedi culturali di prestigio (Parigi, Firenze, Avellino e ultimamente Vilnius) tenendo convegni e seminari facendo conoscere l’antica arte con cui si creano intarsi amalgamando pigmenti e colle naturali con la polvere di selenite. Vengono dedicati alla bottega molti articoli su testate d’arte e diversi servizi televisivi su programmi Rai (es. Geo), Leonardo TV, BBC e recentemente France2.

Il laboratorio oggi produce tavoli, pannelli e oggettistica da regalo, restauro e tiene corsi. Trai i premi e riconoscimenti: Artigiano OMA 2010, Premio Armonia 2011 Parigi, Maestro D’Arte e Mestieri Fondazione Cologni 2016. Ha insegnato la scagliola al Centro Europeo di Restauro di Firenze nel 2012. L’atelier ospita inoltre una parte museale dove i pezzi antichi (dal XVII al XIX secolo) formano la più importante collezione esistente al mondo.

Gabriele Maselli

Maestro artigiano nel restauro del legno nella Bottega D’arte, Gabriele Maselli inizia l’attività nel 1981 come addetto alla lavorazione artistica e al restauro del legno presso Palazzo Spinelli a Firenze. In seguito diventa presidente regionale dei corniciai artistici e presidente dell’artigianato artistico di Confartigianato. E’ socio fondatore della scuola d’arte sacra di Firenze. Nella sua attività ha ricevuto diversi prestigiosi premi come il Fiorino d’Oro per i 35 anni di lavoro e 50 anni di attività. Docente nella scuola d’ Arte Sacra nel Museo Opera del Duomo di Firenze e nei Laboratori Chiavi della città. E’ da sempre impegnato nelle docenze in stage e tirocini.

 

 

Lidia Cinelli

La Maestra artigiana Lidia Cinelli, restauratrice di opere d’arte, ha lavorato presso la ditta Decoart s.r.l. dal 1983 al 1989 e dal 1989 al 1996 come socia presso la ditta Decoart C.B.A. s.r.l. Nel 1998 si è messa in proprio. Tra i suoi lavori più significativi nel campo dei restauri di pitture murali si segnalano: Cappella Brancacci, Masaccio, Masolino e Filippino Lippi, 1424-28 Chiesa del Carmine collaborazione al restauro con l’ Opificio delle Pietre Dure, Firenze; facciata con storie di Perseo Palazzo Mellini Fossi  disegno di F.Salviati sec.XVI via dè Benci, Firenze; elementi in marmo  fonte battesimale,pulpito, lapidi ed altari in marmo  Cattedrale, San Miniato Pisa; Madonna della Misericordia attr. B.Daddi 1342 Museo del Bigallo, Firenze (progetto vincitore primo premio Friends of Florence al salone del restauro 2012); frammenti di affreschi staccati provenienti dalla Badia fiorentina  di  Giotto e bottega,mostra Giotto,l’Italia Palazzo Reale Milano. Ha scritto molte pubblicazioni e svolge attività di docenza.