Alessandro Bianchi

Il Maestro Artigiano Alessandro Bianchi ha appreso la difficile tecnica della scagliola in bottega sotto la guida del padre, Bianco Bianchi (1920-2016), collezionista e grande maestro di questa arte fiorentina (detta anche pietra di luna), lavorazione decorativa a intarsio di origine seicentesca da lui riscoperta a Firenze sul finire degli anni ‘40. Diplomato al liceo artistico di Firenze all’inizio degli anni ‘80 entra nella bottega paterna come apprendista e poi come collaboratore.

Partecipa a numerose mostre in Italia e all’estero esponendo le opere della bottega e facendo dimostrazioni di lavorazione da Monaco a New York, da Philadelphia a Firenze, da Milano a Roma. Ultima in ordine di tempo HOMO FABER 2018 a Venezia. Espone la collezione di antiche scagliole in molte sedi culturali di prestigio (Parigi, Firenze, Avellino e ultimamente Vilnius) tenendo convegni e seminari facendo conoscere l’antica arte con cui si creano intarsi amalgamando pigmenti e colle naturali con la polvere di selenite. Vengono dedicati alla bottega molti articoli su testate d’arte e diversi servizi televisivi su programmi Rai (es. Geo), Leonardo TV, BBC e recentemente France2.

Il laboratorio oggi produce tavoli, pannelli e oggettistica da regalo, restauro e tiene corsi. Trai i premi e riconoscimenti: Artigiano OMA 2010, Premio Armonia 2011 Parigi, Maestro D’Arte e Mestieri Fondazione Cologni 2016. Ha insegnato la scagliola al Centro Europeo di Restauro di Firenze nel 2012. L’atelier ospita inoltre una parte museale dove i pezzi antichi (dal XVII al XIX secolo) formano la più importante collezione esistente al mondo.